Menu di servizio


Navigazione


Comunicazione nuovo Vicario Generale

2016mar8

Questa mattina alle ore 12, in Sala S. Colomba, il Vescovo ha comunicato il nome del nuovo Vicario Generale.

Di seguito il testo letto.

———–

Prot. VFL2016/18                                                                 Rimini, 8 marzo 2016

- Ai Membri del Consiglio Presbiterale e dell’intero Presbiterio diocesano;
– Ai Diaconi, ai Ministri e ai nostri Seminaristi;
– Ai Membri del Consiglio Pastorale e della Consulta delle Aggregazioni Laicali;
– A tutte le persone consacrate e all’intero Popolo di Dio.

Carissimi tutti,

a seguito della rinuncia, presentata da Don Luigi Ricci, all’incarico di Vicario Generale, dopo attento e ponderato discernimento, grazie anche alla chiara indicazione risultata dalla consultazione dei giorni scorsi, è maturata nel mio animo la scelta di Don Maurizio Fabbri come Vicario Generale, Moderatore di Curia e Coordinatore degli Uffici Pastorali della nostra Diocesi.

Nel comunicare questa mia libera e convinta decisione, desidero innanzitutto esprimere affettuosa e intensa gratitudine a Don Luigi, il quale, dopo aver operato con piena disponibilità e comprovata competenza, ha compiuto i 75 anni il 1 ottobre scorso, e pur non essendo vincolato da limiti di età e di durata del mandato, mi ha pregato caldamente di essere avvicendato nell’incarico, appena possibile. A conclusione del suo servizio, ritengo di poter dire con sincera gratitudine che in questi otto anni abbiamo potuto ringraziare il Signore per il dono che Don Luigi è stato per tutti noi. Per me Vescovo, con il suo sapiente consiglio e il valido, efficace sostegno, costantemente assicurato. Per le comunità parrocchiali, soprattutto le più provate, con la sua disinteressata prontezza a sacrificarsi personalmente per prestare ogni genere di aiuto. Per tutti, con il suo inconfondibile stile fatto di slancio apostolico, di generosità operosa, di interiore letizia, di mite e umile fortezza.

Ringrazio anche Don Maurizio per la serena e sollecita disponibilità ad assumere il delicato servizio di Vicario Generale. Mi hanno incoraggiato alla sua nomina non solo il ricco e vario curriculum pastorale, ma anche la forte sensibilità a percorsi di sincera comunione fraterna nel presbiterio e di matura e concreta sinodalità ecclesiale. Un’ulteriore indicazione mi è venuta dai tanti segni di stima che ho raccolto in questi anni nei suoi confronti e dal contributo contagioso della sua intima gioia per essere alla sequela del Signore, come suo discepolo e pastore del suo gregge: un pastore, forte e tenero, “con l’odore delle pecore”.

Ho ritenuto di attribuire al Vicario Generale anche l’incarico di Coordinatore degli Uffici Pastorali, perché don Tarcisio Giungi, dopo aver svolto un fedele e prezioso servizio in questo settore, si è trovato nella pratica impossibilità di svolgere quel mandato, non solo per la difficoltà a conciliarlo con il gravoso impegno di Moderatore e Parroco in solido nella Zona Pastorale della Trasfigurazione, ma anche per la convinzione maturata nel frattempo – e condivisa da molti, me compreso – della buona opportunità che a prestare tale servizio sia lo stesso Vicario Generale.

Infine vorrei dedicare un pensiero alla Comunità presbiterale e alle Comunità parrocchiali della Zona Pastorale di Morciano – Montefiore – Gemmano – San Clemente e Sant’Andrea. Come otto anni fa, mi vedo nella impellente esigenza di chiedere loro la carità di benedire e sostenere ora Don Maurizio nel confermare il suo sì al disegno di Dio sulla propria vita e sul cammino della nostra Diocesi.

Mentre ringrazio tutti e ciascuno per l’attenzione, invito il nostro Presbiterio e l’intera Chiesa diocesana a lodare il Signore che non si è ancora stancato di noi, anzi ci incoraggia a lasciarci sorprendere dalla sua incontenibile misericordia.

Vi benedico e vi saluto tutti di cuore

 

(8 marzo 2016)