Menu di servizio


Navigazione


Gesù volto della misericordia del Padre

2016apr23

L’evento, il credo, le beatitudini

Intervento del Vescovo alla 39.a Convocazione del RnS

L’evento

Se l’Antico Testamento si può riassumere nell’affermazione chiara e netta: “Molte volte e in molti modi Dio ha parlato ai nostri padri rivelando il suo volto misericordioso”, tutto il Nuovo Testamento si può concentrare in questa semplicissima e densissima proposizione: “Il volto misericordioso di Dio Padre ci è stato pienamente e definitivamente rivelato da Gesù di Nazaret”. Nell’Antico Testamento, specialmente nei Salmi, si inciampa continuamente in sospiri struggenti come questo: “Il tuo volto, Signore, io cerco; non nascondermi il tuo volto” (Sal 27,8). Questa rivelazione avviene in un duplice senso: Dio toglie il velo che copre il suo volto (lo s-vela) e fa cadere le bende che ci coprono gli occhi (ci s-benda). Nel prologo del quarto vangelo, San Giovanni trasognato canta felice: “Dio nessuno lo ha visto mai; il Figlio unigenito che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato”.

 Il credo

No, io non crederò mai in:
– un dio che si possa “provare” con l’evidenza schiacciante di un “test” indiscutibile o che si lasci incapsulare in una gelida formula teologica. Credo nel Dio che non si dimostra come un teorema matematico, ma si mostra nell’umanità fatta di carne e di sangue, di nervi e di sentimenti, di pensieri e di scelte dell’uomo Gesù di Nazaret;
– un dio che pretenda da me riverenze e salamelecchi o che reclami inchini e prostrazioni ai suoi piedi. Credo nel Dio che si china ai miei piedi per lavarmeli con lacrime di compassione per i molti mali che mi affliggono e con pianti di gioia anche per il poco bene che riesco a combinare;
– un dio che faccia l’offeso e il risentito per i peccati che ho commesso, ma nel Padre che si affligge per il male che mi sono procurato o per le ferite causate ai miei fratelli;
– un dio che si apposti dietro una curva per cogliermi in fallo e tendermi una rappresaglia per farmela pagare. Credo in un Dio che non vede l’ora di riabbracciarmi e mi corre incontro per mettermi l’anello prezioso al dito e i sandali della festa per il mio ritorno a casa;
– un dio che faccia l’indifferente di fronte alle lacrime dei bambini innocenti, alle ferite delle ragazzine abusate, alle sofferenze degli omosessuali derisi o delle donne violentate. Credo in un Dio che non pesa con la stessa bilancia la vittima e il carnefice, che non fa il nonno buonista o il vecchietto bacchettone da ricattare o di cui approfittare a cuor leggero;
– un dio che mi chieda la fede e mi spenga la ragione o prevarichi su di me con il peso di una superiorità schiacciante , un dio “neroniano” che mi voglia possedere, ma nel Padre forte e tenero che mi vuole liberare.

Sì, io credo nel Dio della misericordia più generosa che afferma la sua grandezza nel fare grandi i suoi figli;
– nel Dio della misericordia più umile che esprime la sua onnipotenza riducendosi all’impotenza per amore;
– nel Dio della misericordia più gratuita che preferisce mille volte sacrificarsi e morire lui per l’uomo, anziché vedere l’uomo morire per lui e che rinuncia a salvare se stesso pur di salvare tutti noi;
– nel Dio della misericordia più feconda, che trova la sua gloria nel parteciparci la sua vita e nel condividere con noi la sua straripante felicità;
– nel Dio della misericordia più fedele, che non sta sempre a rovistare nel mio passato, ma che lo faccio felice se gli permetto di dischiudermi un futuro di risurrezione e di vita piena e traboccante.

Le beatitudini
– “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”.
– Beati quelli che perdonano per amore dell’Altissimo, perché da lui saranno perdonati.
– Beati quelli che ripongono la loro felicità nel far felici i miseri: i poveri, gli afflitti, i perseguitati.
– Beati quelli per i quali c’è più gioia nel dare che nel ricevere.
– Beati quelli che credono nella parola fedele del Dio che si ricorda sempre della sua misericordia e la stende su quelli che lo temono e lo amano.

Come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre.

Rimini-Fiera, 22 aprile 2016

+ Francesco Lambiasi

(23 aprile 2016)