Menu di servizio


Navigazione


Violenza sulle donne

2016feb15

In occasione della Giornata della Vita (7 febbraio 2016) il Vescovo ha inserito nell’omelia un passaggio dedicato al triste fenomeno della violenza sulle donne.

È attentato alla vita la piaga dell’aborto. È attentato alla vita lasciar morire i nostri fratelli sui barconi nel canale di Sicilia. È attentato alla vita la morte sul lavoro perché non si rispettano le minime condizioni di sicurezza. È attentato alla vita la morte per denutrizione. È attentato alla vita il terrorismo, la guerra, la violenza; ma anche l’eutanasia. Amare la vita è sempre prendersi cura dell’altro, volere il suo bene, coltivare e rispettare la sua dignità trascendente” (papa Francesco).

Sono doppiamente povere le donne che subiscono maltrattamento e violenza. Perché oltre a venire usate, abusate e cinicamente sfruttate, spesso si trovano in situazione di minori possibilità nel difendere i loro diritti e con maggiori difficoltà nel denunciare i delitti di cui vengono fatte oggetto. Eppure è proprio tra di loro che si riscontrano i gesti più ammirevoli di quotidiano eroismo nella difesa e nella cura delle fragilità delle proprie famiglie.

Il fenomeno dei femminicidi nel 2014 ha registrato ben 152 vittime, e già tredici all’inizio di questo nuovo anno. Al Centro Antiviolenza di Rimini, Rompi il silenzio, hanno chiesto aiuto 173 donne, che hanno subito violenza. Il fenomeno è drammatico. a livello mondiale. Secondo i dati Istat nel 2015 il 35% delle donne nel mondo ha subito una violenza.

L’insostenibile sofferenza di queste persone va compresa, il loro grido di aiuto va raccolto con prontezza e piena disponibilità. Occorre passare ad azioni coraggiose e concrete sul piano della prevenzione, della repressione del crimine, dell’accoglienza, della cura e della tutela delle donne ferite. Il Giubileo della misericordia ci offre una concreta opportunità per aiutare queste nostre sorelle e amiche, facilmente ricattabili, offrendo comprensione, difesa, aiuto concreto, sostegno fattivo e competente, perché possano riappropriarsi della loro dignità e della loro inviolabile libertà, ma anche per denunciare i delinquenti che abusano della vulnerabilità di queste persone per le loro voglie malsane e i propri meschini interessi.

 

 

(15 febbraio 2016)