Menu di servizio


Navigazione


Omelie

Questo è l’elenco in ordine cronologico delle omelie pubblicate del Vescovo di Rimini, Mons. Francesco Lambiasi

Nulla anteporre a Cristo

2013feb28

Omelia del Vescovo nella s. Messa di ringraziamento per il ministero pontificale di Papa Benedetto XVI
Quel giorno Pietro guardò a Gesù e vide Dio. No, Simon Pietro non vide solo l’amico fortissimo, il maestro insuperabile, il misericordioso guaritore di tutti i mali.

Maria la prima credente

2013feb14

Una fede protagonista di storia. Omelia tenuta nel corso della s. Messa per anniversario don Giussani. E’ un grido di stupore quello che erompe irrefrenabile dal cuore di Elisabetta, nello scorgere il profilo di Maria – questa ragazzina già proiettata “nella stagione in cui lievita il ventre” (De André) – stagliarsi in controluce sulla soglia di casa: “A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?”.

Con le lampade accese. Incontro allo Sposo e Signore della vita

2013feb4

Omelia del Vescovo per la Giornata Mondiale della Vita consacrata e per la Giornata Nazionale della Vita. La santa legge di Dio parlava chiaro: quaranta giorni dopo la nascita del primogenito, la giovane madre doveva presentarsi al tempio per essere dichiarata “pura” dal sacerdote (cfr Lv 12,1-8). Ma non esisteva nessuna prescrizione biblica né giudaica che prevedesse la presentazione del bambino in occasione del rito di purificazione della madre.

Mandati ad evangelizzare

2013gen28

Il diacono ministro della Parola
Omelia tenuta dal Vescovo nel corso dell’ordinazione diaconale di Luigi Brusi, Daniele Pagliarani, Raul Papini, Mauro Vanni.
Quel giorno a Nazaret era iniziato come un sabato qualunque. Forse la notizia che Ieshù il falegname era tornato in paese, aveva percorso rapidamente il giro delle case, passando di bocca in bocca e facendo impennare la colonnina del termometro di una curiosità golosa, di un’attesa convulsa.

Cercatori di Dio. Anche noi alla scuola dei Magi

2013gen7

Omelia per la Solennità dell’Epifania, tenuta dal Vescovo nel corso della Messa dei Popoli. Gloria e pace sono due parole che possiamo selezionare dal vangelo del Natale per riassumerne il mistero: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli, e pace in terra agli uomini, che egli ama”. In parallelo alla gloria e alla pace del Natale, possiamo evidenziare altre due parole – altrettanto luminose e squillanti – dal vangelo dell’Epifania: luce in cielo – è la luce della stella – e gioia sulla terra: “Al vedere la stella (i Magi) provarono una grandissima gioia”.

Un quadrilatero per l’arsenale della pace

2013gen7

Omelia tenuta dal Vescovo per la solennità di s. Maria Madre di Dio. C’è un augurio più solenne e commosso, per iniziare questo nuovo anno, della benedizione che abbiamo ascoltato dalla bocca di Mosè? “Il Signore faccia brillare il suo volto su di te e ti dia pace e felicità”. E c’è una notizia più ordinaria e insieme più straordinaria di quella che ci è stata recapitata dal calamo di san Paolo? Nel cuore del tempo da una donna umile e povera è nato un bambino, il quale in persona è addirittura il Figlio di Dio, venuto per fare di noi altrettanti veri figli di Dio.

Natale: grazia e pace

2013gen7

Omelia nel corso della santa Messa per la fine dell’Anno. A questa maestosa ouverture del vangelo di Giovanni io non riesco proprio ad assuefarmi. E neanche voi – ne sono sicuro – fratelli e sorelle. Vi sarete resi conto che abbiamo letto lo stesso brano del giorno di Natale, ma né voi, credo, e neanch’io abbiamo provato la fastidiosa sensazione di una annoiata sazietà, come di fronte alle cose troppe volte dette e sentite.

Pagina 3 di 3123