Menu di servizio


Navigazione


Omelie

Questo è l’elenco in ordine cronologico delle omelie pubblicate del Vescovo di Rimini, Mons. Francesco Lambiasi

Entrare nel Natale. Passando per la porta della fede

2012dic26

Omelia tenuta dal Vescovo per il Giorno di Natale.  Un frammento luminoso e solenne, ma anche una pagina di estrema serietà quella che ci è stata appena proclamata, fratelli e sorelle. Riascoltiamone almeno l’inizio e la fine: “In principio era il Verbo… E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. Queste parole sono brucianti.

Il Natale e l’obiezione del male

2012dic26

Omelia nella Messa di Mezzanotte. La notizia più bella e più scandalosa, la più commovente e più scioccante: Dio si è fatto uomo. L’Immenso si è fatto abbracciare. L’Onnipotente si è fatto impotente. L’Infinito, finito. L’Invisibile, palpabile.

Il prete, uomo dell’Avvento

2012dic10

Chiamato a vigilare, attendere, evangelizzare, benedire. Omelia tenuta dal Vescovo per l’ordinazione presbiterale del diacono Eugenio Facondini.
“Voce di uno che grida nel deserto”: il silenzio vasto e intimorito del roccioso deserto di Giuda non riesce ad inghiottire la voce ruvida del Battista, ma la rilancia con eco fragorosa fino a percuotere menti e cuori di gente che accorrono a fiumane lungo il Giordano per farsi battezzare.

Chi ci separerà dall’amore di Cristo?

2012nov27

Omelia nella Messa esequiale in memoria di Luciano Chicchi
«Si dice che all’interno dei quattro vangeli noti è come se ce ne fosse uno ancora sconosciuto. Ma ogni volta che la fede accenna a rifiorire, è segno che qualcuno ha intravisto quel vangelo” (M. Pomilio).

La Chiesa, tempio di pietre vive

2012nov27

Omelia tenuta dal Vescovo nel corso della s. Messa per le Aggregazioni Laicali.
Tra il fondamento e il compimento: è qui che si colloca il cammino del cristiano nella storia: nello spessore tridimensionale di passato, presente, futuro.

Il test della testimonianza Felici perché santi, e santi perché figli

2012nov7

Omelia tenuta dal Vescovo nella Festa di Tutti i Santi per il Convegno nazionale degli Animatori del Rinnovamento nello Spirito. Dio Padre ci vuole felici. La prima parola usata da Gesù alle folle nel celebre discorso della montagna è una parola scintillante di gioia: Beati! Diverse Bibbie, come ad esempio la francese, la spagnola, la portoghese traducono ‘beati’ con ‘felici’.

La fede: un salto nella luce

2012ott29

La verginità consacrata trasparenza dell’amore divino
Omelia tenuta dal Vescovo nel corso della consacrazione di Marina Venturi nell’Ordo Virginum
Da malato a guarito, da guarito a chiamato: è il percorso seguito da Bartimeo, il cieco che all’inizio del vangelo abbiamo incontrato seduto lungo la Gerico-Gerusalemme a mendicare, e al termine vediamo allontanarsi in dissolvenza, al seguito del Figlio di Davide, in cammino verso la croce.

Mendicanti e portatori di luce

2012ott27

Omelia tenuta dal Vescovo, al termine del Convegno su “Don Oreste Benzi, testimone e profeta”
A tutti sarà capitato di contemplare almeno qualche volta il rosone di una cattedrale gotica. Se, visto di fuori, ci appare solo come un grande tondo fatto di pezzi di vetro saldati con strisce di piombo, una volta entrati nella cattedrale e visto in controluce il rosone ci si mostra in tutto il suo splendore.

Una Chiesa credente e credibile

2012ott15

Omelia in occasione della Festa di san Gaudenzo
Ho cercato un vescovo, ho trovato una Chiesa. Così è stato detto del cardinale Carlo Maria Martini, recentemente scomparso. Così penso si potrebbe dire di san Gaudenzo: se lo cerchi, non lo trovi. Mi spiego: non lo trovi negli annali della storia antica; non rintracci remoti reperti di opere sue, di carattere letterario o architettonico.

Chi semina amore, raccoglie amore e giustizia

2012ott6

In occasione della festa del beato Alberto Marvelli, il Vescovo ha scritto, a «nome del Beato», la seguente lettera ai giovani cristiani riminesi.
Cari amici, anche quest’anno mi sono attivato per girare al vostro Vescovo una mia riflessione su una delle otto beatitudini evangeliche, pronunciate da Gesù nel Discorso della montagna e riportate dall’evangelista Matteo. Secondo il programma da me concordato con il Vescovo nella mia festa del 2009, quest’anno vorrei invitarvi a riflettere sulla quarta beatitudine: Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.

Pagina 1 di 3123